Autentica Firenze: il portale web per diventare artigiani per un giorno

Autentica FirenzeUn’esperienza completa, per tuffarsi nel mondo dell’artigianato, entrare nella quotidianità di un lavoro affascinante e regalarsi un oggetto prezioso, come un profumo, una cornice o un gioiello. Tutto questo è possibile grazie ad Autentica Firenze, il nuovo portale web che propone ai fiorentini e ai turisti pacchetti di esperienze artigianali.

Il progetto di Confartigianato Imprese Firenze, il primo di questo genere, realizzato grazie al contributo del Comune di Firenze, è stato presentato con il lancio del sito www.autenticafirenze.com, da Cecilia del Re, assessore al Turismo del Comune di Firenze, e Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Imprese Firenze.

Presenti anche gli artigiani che hanno aderito all’iniziativa, aprendo le porte dei laboratori e mettendo a disposizione la loro conoscenza ed esperienza: Brandimarte, Paolo Penko, Maselli Cornici, Signum, Aromantique di Maria Letizia Longo, Spezierie Palazzo Vecchio.

In totale, sei pacchetti, da acquistare online direttamente sul portale. che comprendono la visita e la creazione di un manufatto da portare via al termine del percorso. Un’esperienza artigianale completa, al fianco degli artigiani fiorentini per scoprire la storia e le loro tecniche.

“Abbiamo creato un tour tra la Firenze nascosta, quella più autentica – ha detto il presidente Sorani – Un’occasione per regalare un’esperienza unica ed esclusiva, a contatto con i maestri artigiani. EN’ un progetto che vuole valorizzare la tradizione artigiana in un modo diverso, dedicato a chi vuole vivere la città da una prospettiva nuova e lontana dai soliti circuiti, pensata per i turisti ma anche per i fiorentini. Perché l’artigianato è un patrimonio di tutti”

“Il turismo delle esperienze è sempre più apprezzato dai visitatori che arrivano in città e contribuisce a innalzare la qualità dell’offerta – ha detto l’assessore al Turismo Cecilia Del Re -. Questo progetto va nella giusta direzione, mettendo insieme la valorizzazione delle nostre botteghe artigiane e gli strumenti online per coinvolgere un pubblico attento e differenziato”.

Michael Lattanzi
Door het aantal 277 – Anno VII del 8/1/2020