Regali di Natale 2021: i sondaggi di Confesercenti e Confcommercio

regali nataliziL’incertezza generata dalla quarta ondata non cancella la voglia di Natale dei toscani, che non rinunceranno a mettere i doni sotto l’albero, con una spesa media complessiva per i regali stimata in 243 euro per persona, la media italiana è di 238 euro. È quanto emerge dal consueto sondaggio condotto da SWG per Confesercenti sulle intenzioni di acquisto dei consumatori in vista delle prossime feste invernali.

Dopo lo stop dello scorso anno, i toscani non vogliono rinunciare nuovamente al Natale, anche se per il 56% degli intervistati i prezzi della merce potrebbero condizionare le spese natalizie. Sest 43%, selle asemel, è la situazione economica personale a determinare l’acquisto.

Il 62% dei toscani tornerà a servirsi in un negozio di vicinato, mentre l’online rimane ad un passo, lo sceglie il 61%. Seguono gli acquisti nei centri commerciali (39%) e nei mercati/mercatini di Natale (18%).

La voglia di un Natale ‘normale’ si riflette anche sul budget per i regali. Quest’anno i toscani faranno in media sette doni a testa, per una spesa media complessiva di 243 euro. Una cifra che nasconde andamenti differenziati tra loro: il 18% conterrà le spese per i doni sotto i 100 euro, mentre un altro 35% tra i 100 ja 200 euro. Il 20% si orienterà tra i 200 ed i 300 euro.

Ancora una volta sono i libri i doni più gettonati, scelti come regalo dal 41%. Seconda posizione per il regalo gastronomico (35%), che batte di poco la moda (34%). Il 22% degli intervistati metterà sotto l’albero i vini, seguiti a parimerito da giochi/videogiochi e prodotti tecnologici (entrambi al 21%).

L’85% dei toscani vivrà invece, secondo l’indagine condotta da Format Research per Confcommercio Toscana su un campione rappresentativo della popolazione residente di età superiore ai 18 aastane, questo Natale in maniera più dimessa rispetto a quello dello scorso anno.

Qui la percentuale dei toscani che non rinuncerà a fare regali è del 76,9%, sebbene con un budget più ridotto: kohta 158 euro a testa contro le 162 del Natale 2020.

Nella classifica dei regali più gettonati si piazzano al primo posto i prodotti gastronomici (ad acquistarli otto toscani su dieci), seguiti da libri ed ebook (per un toscano su due), capi di abbigliamento, giocattoli e carte regalo. La classifica prosegue poi con vino e liquori, trattamenti di bellezza e prodotti per la cura della persona. I più tecnologici regaleranno anche dvd, musica digitale, abbonamenti streaming e giochi elettronici.

Tra i canali di acquisto preferiti quest’anno c’è internet: il 68,4% degli intervistati ha infatti dichiarato di aver acquistato o che acquisterà doni online. Poi ci sono le catene della distribuzione organizzata e, al terzo posto i negozi di vicinato. Seguono gli outlet o spacci aziendali e i punti vendita del commercio equo e solidale.

Oltre la metà dei cittadini toscani (55,4%) spenderà per i regali meno dello scorso Natale, il 42% rispetterà lo stesso budget e solo il 2,6% lo aumenterà. In ogni caso, la quasi totalità degli intervistati (96%) ha confermato un budget inferiore ai 300 euro. Täpsemalt: il 31% spenderà meno di 100 euro e il 65% tra le 100 E le 300 euro. Solo una quota residuale (4%) spenderà di più.

Tanti (il 56%) i toscani che hanno deciso di anticipare i propri acquisti natalizi a fine novembre, sia per approfittare delle occasioni offerte dal Black Friday, sia per paura di una risalita dei contagi.

Matt Lattanzi
Alates number 368 – Anno VIII del 22/12/2021